STRUTTURA DEL CORSO

Struttura del corso

STRUTTURA GENERALE DEL CORSO
Il percorso di formazione in Gestalt Counseling è costituito da:
  • un biennio di formazione alle abilità di Counseling, nel quale sono sostenute ed ampliate le capacità individuali di presenza, consapevolezza e contatto; 
  • un terzo anno di formazione specifica alla relazione di aiuto e più in generale alla professione del Counselor; 
  • un quarto anno di approfondimento e supervisione, non obbligatorio ma fondamentale per iniziare a consolidare la professione; 
per un totale di:
  • 511 ore di formazione teorico/esperienziale (11 weekend annuali)
  • 150 ore di tirocinio (il 3° anno)
  • 40 ore minimo di counseling o psicoterapia individuale nei 3 anni

PROGRAMMA FORMATIVO PRIMO ANNO: PRESENZA E CONSAPEVOLEZZA
  • Consapevolezza del collegamento mente e corpo: dalle sensazioni corporee e dai vissuti emotivi, ai contenuti mentali e immaginativi. 
  • Approccio al concetto di responsabilità come “responsabilità” ovvero la capacità di rispondere efficacemente all’ambiente.
  • Attenzione ai bisogni emergenti e sviluppo della capacità di soddisfarli con il sostegno dell’ambiente. 
  • Chiarificazione dei propri schemi ripetitivi di comportamento, attraverso lo sviluppo della capacità di ascolto di sé e dell’ambiente. 
  • Sperimentazione attiva nella relazione con gli altri con particolare attenzione alla comunicazione verbale e non verbale e alla sua efficacia. 
  • Differenza tra comunicazione empatica e comunicazione “simpatica”. 
  • Nozioni di Psicologia della Gestalt: il processo figura/sfondo, la relazione organismo / ambiente, processi di identificazione ed alienazione 

SECONDO ANNO: CONTATTO E INTERRUZIONI 
  • Il ciclo del contatto: pre-contatto, formazione della figura, mobilizzazione, contatto pieno, ritiro/assimilazione 
  • Le interruzioni del contatto: o Confluenza o Introiezione o Proiezione o Retroflessione o Egotismo o Deflessione o Formazione reattiva 
  • Concetto di co-creazione del campo organismo-ambiente con focalizzazione sul concetto di responsabilità e sulle dinamiche di gruppo. 
  • La teoria del sé: funzione Es, funzione Io, funzione Personalità.
  • Apprendimento esperienziale dei concetti sopra elencati, attraverso sedute tra i partecipanti sotto la supervisione del formatore. 

TERZO ANNO: CRESCITA E CREATIVITA’
  • Approfondimento della comunicazione efficace e della capacità di stare in contatto. 
  • Sviluppo e approfondimento del concetto di autenticità con sé stessi ed il mondo. 
  • Teoria paradossale del cambiamento. 
  • Conflitto intrapsichico: polarità ed integrazione. 
  • Conflitto interpersonale: o Differenziazione ed integrazione del conflitto o Competizione sana e competizione patologica o Giochi di potere o Dinamiche interpersonali e di gruppo 
  • Apprendimento esperienziale dei concetti sopra elencati, attraverso sedute tra i partecipanti sotto la supervisione del formatore. 
  • Etica e deontologia del counselor. 
Share by: